Rai 3

Docureality: Graziano e il manager to work #3

Graziano, ex manager, da un giorno all’altro viene licenziato dall’azienda per cui lavora. Una storia emblematica, che seguiremo passo dopo passo. Per saperne di più clicca qui. Il progetto Manager to work di Italia Lavoro lo trovi a questo link. Il programma welfare to work di Italia Lavoro lo trovi aContinua

Docureality: Caterina e Garanzia Giovani #7

Caterina, giovane messinese, dopo aver studiato nella sua città, sta cercando a Roma – non senza fatica – di aprirsi una strada nel mondo del lavoro. Navigando in rete trova “Garanzia Giovani”… il resto lo seguiremo settimana per settimana… Per saperne di più clicca qui o qui Per iscriverti vai allaContinua

Teramo, scene da un patrimonio

30 giovani sotto i trent’anni si avvalgono di un tirocinio tra i più importanti siti archeologici abruzzesi. L’iniziativa, voluta dall’assessorato delle politiche sociali e del lavoro della Regione Abruzzo, mira alla tutela, alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio culturale. L’Italia, con 50 siti Unesco, è il paeseContinua

Milano, continua mente

La Regione Lombardia, in considerazione delle profonde trasformazioni in atto nei modelli organizzativi e di business nel mondo del lavoro, incentiva e promuove la formazione continua dei lavoratori e degli imprenditori per il riallineamento delle competenze e delle conoscenze. Per la formazione continua della Regione Lombardia clicca qui.Continua

Latina, l’ambiente migliore

Sogin è la società di stato responsabile dello smantellamento degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi. Il suo compito principale è quello di localizzare, realizzare e gestire il parco tecnologico e il deposito nazionale dove verranno smaltiti e messi in sicurezza i rifiuti radioattivi, garantendoContinua

Modena, gradi di sviluppo

Il distretto di Sassuolo è uno dei centri della ceramica italiana. Con la sua produzione di piastrelle per 3,8 miliardi di fatturato, di cui 3,2 derivanti dall’export, è uno dei distretti che meno hanno sentito la crisi grazie alla sua capacità di competere sui mercati internazionali: il 50%Continua